Se fare un figlio è un atto di eroismo

Si sono svolti ieri a Roma gli Stati Generali della Natalità, promossi dal Forum delle Associazioni Familiari: un problema, quello delle poche nascite nel nostro paese, sempre più preoccupante e segno di una crisi sociale strutturale.

I numeri sono drammatici: l’età media degli italiani è 47,2 (la più alta d’Europa), il numero di figli per donna è 1,24, mentre nel 2020 sono nati nel nostro paese solo 404.000 bambini, con una riduzione del 30% negli ultimi 12 anni (nel 1964 furono più di un milione!).
Il premier Draghi, nel suo intervento, ha dichiarato che “Per decidere di avere figli, i giovani hanno bisogno di tre cose: di un lavoro certo, una casa e un sistema di welfare e servizi per l’infanzia. Un’Italia senza figli è un’Italia che non ha posto per il futuro, è un’Italia che lentamente finisce di esistere.”

Anche Papa Francesco, ovviamente, ha insistito sul tema: “È necessario dare stabilità alle strutture di sostegno alle famiglie e di aiuto alle nascite. Sono indispensabili una politica, un’economia, un’informazione e una cultura che promuovano coraggiosamente la natalità”, mentre ci sono ancora troppe “donne che sul lavoro vengono scoraggiate ad avere figli o devono nascondere la pancia”.

Il presidente del Forum, Gigi De Palo, ha sottolineato come questo problema possa ripercuotersi sulla società a vari livelli: “gli anziani vivono sempre più a lungo, ma se diminuiscono i giovani, cosa accadrà tra una decina di anni? Chi pagherà le pensioni se si assottiglia il numero di chi paga le tasse? La natalità è la nuova questione sociale, se non interveniamo ora, crolla tutto”.

In tal senso, una prima soluzione potrebbe arrivare dall’Assegno unico universale, un provvedimento strutturale che partirà a luglio e che riguarderà 12 milioni tra bambini e giovani fino ai 21 anni, per un inpegno di spesa totale che si aggira intorno ai 21 miliardi di euro; secondo Draghi è una svolta epocale, che sarà irreversibile: vedremo se basterà a invertire la tendenza.

 

Condividi l'articolo
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli che potrebbero interessarti

Continuando a navigare il nostro sito, stai accettando l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi