Nasce la “Biblioteca Antirazzista”: ovviamente… al Quadraro!

Oggi voglio raccontarvi una bella storia, che prende il via dall’Associazione “Carminella”, da anni impegnata in progetti per l’accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo, compresa una scuola gratuita di italiano per stranieri; in collaborazione con “Stonehead”, i responsabili dell’associazione hanno deciso di dare vita alla “Biblioteca antirazzista“, che ospita testi sul colonialismo italiano, sull’analisi storica e antropologica dei diversi colonialismi, il razzismo e l’antimperialismo in senso più ampio, tra i quali molte opere stampate proprio negli anni del colonialismo nostrano, per giustificare ed esaltare le famigerate “imprese” condotte in terre straniere.
Il primo nucleo è stato costituito da una donazione di volumi dell’epoca coloniale da parte della Fondazione Basso, ma il fondo è già in via di incremento, anche grazie alla generosa risposta di alcune case editrici.

Perché una biblioteca antirazzista? La risposta, affatto scontata, è sul sito dell’associazione: “Perché pensiamo che la memoria e la conoscenza possano contribuire a realizzare un’altra narrazione. Una narrazione antirazzista e nuova rispetto a quanto, ancora oggi, viene insegnato nelle scuole. Perché pensiamo che ricostruire una responsabilità collettiva potrà essere l’antidoto alla rabbia ed alla xenofobia dilaganti. Perché la conoscenza è sempre nobilitante e fa più belli noi esseri umani.
Se la motivazione è questa, è evidente che un luogo del genere non poteva nascere che al Quadraro, quartiere che ha nel proprio DNA i valori dell’antirazzismo e dell’integrazione e che vedrà così aumentare il proprio patrimonio culturale e sociale.

La biblioteca nasce con molte ambizioni, come ci spiega la vicepresidente di Carminella, Clara Santini: “L’idea, in prospettiva, è quella di allargare l’ambito d’interesse e farne un centro di documentazione e di formazione permanente, aperto al quartiere e alla città. Già in questa primissima fase sono state molte le realtà che hanno risposto: dai cittadini agli attivisti, dagli editori agli studiosi. Sintomo forse che realtà come queste incontrano un’esigenza comune di tante e tanti.
Non appena questo drammatico momento storico ci restituirà un po’ di respiro, sono tanti gli appuntamenti in scaletta della Biblioteca antirazzista: tavole rotonde, presentazioni e cicli di incontri interculturali.”

Appena terminata la fase di catalogazione, sarà possibile consultare i volumi della biblioteca su appuntamento scrivendo a biblioteca.antirazzista@carminella.it

Condividi l'articolo
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

4 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli che potrebbero interessarti

Continuando a navigare il nostro sito, stai accettando l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi