Cani e padroni di cani

La convivenza tra chi possiede dei cani e chi no è spesso fonte di forti contrasti e discussioni, nei condomini, lungo i marciapiedi e, soprattutto, nei parchi e nelle aree verdi; quando ero presidente di commissione in VII Municipio e convocai in audizione i presidenti dei Comitati di quartiere per segnalare le criticità la maggior parte, prima o poi, riportava anche problematiche legate alla gestione e alle attività dei cani nelle are comuni; nella maggioranza dei casi queste erano dovute allo scarso senso civico di alcuni proprietari di cani e alla loro ignoranza o inosservanza delle norme, ma anche all’intolleranza e intransigenza di molti non-possessori di cani.

Credo possa essere di una qualche utilità, a tal proposito, ricordare che il Comune di Roma è dotato di un Codice di comportamento dei proprietari dei cani (qui il testo integrale), secondo il quale i cani tenuti al guinzaglio possono accedere liberamente “in tutte le aree pubbliche e di uso pubblico compresi i giardini e i parchi”, mentre possono essere lasciati liberi dove “non è presente il pubblico e nelle aree appositamente attrezzate”.
E’ importante rilevare, poiché mi sembra che pochi ne siano al corrente, che è assolutamente vietato l’accesso ai cani nel raggio di cento metri dalle aree giochi per bambini.

Nei parchi romani si vanno moltiplicando le aree-cani, spazi delimitati e attrezzati dove gli animali possono giocare e correre liberamente: qui trovate l’elenco completo diviso per municipio; vi ricordo inoltre che da gennaio 2015 è possibile per associazioni e comitati, ma anche per normali cittadini, fare domanda per adottare un’area-cani e prendersene cura in prima persona (cliccando qui trovate tutte le informazioni necessarie).

Un’ultima questione, spesso fonte di aspre discussioni e spiacevoli incidenti (perché porterà pure bene, ma non è mai piacevole!): per quanto riguarda le deiezioni vi ricordo che per i bisogni fisiologici i cani vanno condotti in prossimità di alberi e spazi verdi e che i proprietari sono tenuti SEMPRE alla raccolta delle feci, ANCHE nelle aree attrezzate dei parchi pubblici e in quelle destinate esclusivamente agli animali.

Condividi l'articolo
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Una risposta

  1. Anche se sono una persona molto civile e tollerante mi è capitato di discutere con proprietari di cani per due motivi. 1) abito in via statilio ottato in una strada piccola e corta ma in 100 Metri ci sono piu secchioni di raccolta rifiuti che portoni delle abitazioni e spesso i padroni dei cani li fanno cagare vicino ai secchioni come se fosse una discarica. 2) a 16 anni ho subito una aggressione da 2 cani e sono finito in ospedale per 40 giorni e da allora mi scatta il panico appena un cane si avvicina a mè, ma il padrone di un cane che mi vede in difficoltà e mi dice “non fa niente è buono vuole solo giacare” mi fa incazzare perchè è giusto che giochi con tè il tuo cane e lasciasse in pace mè che vivo con questo problema che nessun padrone di cane comprende da molti anni purtroppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli che potrebbero interessarti

Continuando a navigare il nostro sito, stai accettando l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi