Tag Archives: Roma Capitale

Iscrizione Nidi di Roma Capitale… se non avete un’identità SPID può essere un problema

Iscrizione Nidi di Roma Capitale… se non avete un’identità SPID può essere un problema

Si apriranno domani, e saranno attive fino al 18 marzo 2019, le iscrizioni ai Nidi di Roma Capitale per l’anno 2019-2020; la domanda potrà essere presentata esclusivamente on-line sul sito di Roma Capitale, così come avviene ormai da qualche anno.

Nessuna novità, quindi? In realtà da quest’anno c’è una grossa novità, che secondo me in pochi conoscono e che potrebbe risultare un problema di non poco conto per coloro che non si dovessero muovere con un buon anticipo sulla scadenza: con delibera del 22/5/2018, infatti, è stato disposto che l’UNICO sistema di autenticazione per l’accesso ai servizi online del portale di Roma Capitale sarà il Sistema Pubblico di Identità Digitale, meglio noto come SPID.

Chi già possiede delle credenziali per accedere al portale di Roma Comunale potrà continuare a farlo per un altro annetto, ma dal 1 gennaio di quest’anno non è più possibile accreditarsi come nuovi utenti, se non, appunto, attraverso SPID.

Se non sapete cosa sia e come funzioni SPID vi consiglio di approfondire cliccando qui; quello che è importante sapere è che per ottenere i propri codici user e password (che permettono poi di accede a tutti i siti della pubblica amministrazione, e non solo) possono volerci alcuni giorni, quindi sarà meglio muoversi per tempo!

Roma amica degli anziani

Roma amica degli anziani

Come sappiamo tutti l’estate è un periodo molto critico per gli anziani, soprattutto per quelli soli: per questo il Comune ha pensato a una serie di servizi denominato “Roma amica degli anziani“, per garantire maggiore assistenza e sicurezza a tutti gli anziani della città nel periodo 15 giugno – 15 settembre.

Il piano si basa su un collegamento tra i centri anziani, le farmacie, le associazioni di volontariato, le ASL, i medici di base e le case di riposo creato da Roma Capitale e dai Municipi: in particolare chi resta in città potrà contare sull’assistenza del Polo Cittadino (800 021 617), un numero verde che fornirà informazioni sulle attività previste per gli anziani e l’assistenza “leggera” (trasporto, disbrigo piccole pratiche, ecc.). In caso di emergenza invece basterà comporre l’800 44 00 22 per contattare la Sala Operativa Sociale, attiva tutti i giorni 24 ore su 24.

Infine sono stati potenziate le attività ricreative in 4 centri anziani della città: uno si trova nel nostro Municipio, il centro La Torretta in piazza dei Consoli.

Mi aiutate a fare in modo che tutti gli anziani siano informati?!

Roma amica degli anziani_volantino

Diritti civili

Diritti civili

Giovedi in Consiglio abbiamo votato una risoluzione proposta dalla Commissione Sociale con la quale si voleva sollecitare il Campidoglio a trattare il tema delle unioni civili, in particolare con la creazione degli appositi registri cittadini; com’era prevedibile in aula il clima si è subito acceso, con discussioni anche aspre soprattutto su alcuni emendamenti proposti dall’opposizione, da parte della quale sono arrivate anche pesanti offese personali, soprattutto al sottoscritto (tacciato di “cattocomunismo”, di essere un credente falso e ipocrita, ecc.).

Mi sono sempre e apertamente dichiarato un cattolico praticante (anche perché non credo possano esistere di altro tipo!) e tutti conoscono la mia storia, ma ho sempre distinto la Bibbia dalla Costituzione: credo che in tema di diritti civili l’Italia debba adeguare le sue leggi, perché ci sono ancora buchi normativi pesanti e inadeguati, ma credo anche che l’iter più corretto sia quello nazionale e parlamentare e non surrogati adottati da città a città, o addirittura da Municipio a Municipio.

Ecco perché in aula mi sono astenuto, motivando il mio voto con una breve dichiarazione che potete rivedere qui (da 1h 49′ 04” a 1h 52′ 15” ); e voi, come avreste votato?!

Decentriamo?

Decentriamo?

In queste prime settimane di consigliatura mi trovo spesso a dover rispondere a richieste/segnalazioni di alcuni amici e cittadini con frasi tipo “Mi dispiace, ma il Municipio non ha competenza in quest’ambito” o “Mi dispiace ma in realtà questa operazione è di competenza del Dipartimento o dell’Ufficio di Roma Capitale”; nella maggior parte dei casi questo avviene perché a Roma il decentramento è ancora in gran parte solo sulla carta e molti ambiti che toccano da vicino i residenti e la loro quotidianità competono quasi esclusivamente all’Amministrazione centrale.

Se per alcune questioni (che riguardano l’intera città e devono essere trattate in maniera omogenea in tutti i quartieri) questa dinamica ha una sua ragionevolezza, per molte altre appare invece sempre più insensata, con conseguenti problemi legati alla normale amministrazione di un territorio abitato da più di 300.000 persone.

Questa amministrazione nei suoi primi mesi sembra voler invertire la tendenza, cominciando da un’attenzione alle periferie e dall’ascolto dei governi locali, per arrivare ad una gestione della città che sia davvero condivisa e partecipata, non solo con i cittadini ma, sembra quasi strano doverlo ribadire, anche con le amministrazioni municipali.

In quest’ottica non ci sembra un caso se mercoledì, nella seduta della Commissione Scuola, abbiamo visto la partecipazione della Presidente dell’omologa commissione capitolina, on. Valeria Baglio, che ha voluto cominciare un dialogo tra Campidoglio e Municipio sui temi concernenti scuola ed edilizia scolastica che speriamo sia davvero il segno di una discontinuità con i vecchi modi di governare la nostra città.

Ce la faremo?!