Category Archives: Atti e delibere

Atti e delibere del VII Municipio

Inciampiamo nella storia

Inciampiamo nella storia

Avete mai sentito parlare delle “Pietre d’Inciampo“? Secondo me molti di voi risponderanno di no, eppure nel nostro Municipio ce ne sono già 4 e in tutta Roma più di 200… gli Stolpersteine (o Pietre d’Inciampo, appunto) sono un progetto artistico animato da ragioni etiche, storiche e politiche, avviato negli anni ’90 del secolo scorso dall’artista tedesco Gunter Demnig, che ha deciso di dedicare la sua vita e il suo lavoro alla memoria di tutti i deportati, razziali, politici, militari, rom e omosessuali, in tutto il mondo.

Si tratta di semplici sampietrini, come tanti che pavimentano le strade delle nostre città, recanti incisi, sulla superficie superiore di ottone lucente, i dati identificativi dei deportati e collocati sui marciapiedi prospicienti le loro abitazioni: un oggetto simbolico, che fa riflettere chi “vi inciampa” sulle vittime della resistenza e delle deportazioni razziali, dando loro un nome e un’identità e impedendo che rimangano dei semplici numeri di un’immane tragedia.

Ieri il Consiglio del VII Municipio ha approvato all’unanimità una mia proposta, passata nelle Commissioni Cultura e Scuola (e che potete leggere qui nella versione integrale), in cui chiediamo che gli assessori competenti coinvolgano i nostri istituti di scuola superiore in un progetto di studio e ricerca del proprio territorio, al fine di individuare vittime che vi risiedevano e poter proporre nuove Pietre di Inciampo.

Perché il VII Municipio non dimentica e vogliamo che anche i ragazzi siano coinvolti in un percorso di memoria storica e identitaria in merito a vicende che lo hanno profondamente segnato!

Pietra d'inciampo

4 passi nella storia… gratuiti e anche guidati!

4 passi nella storia… gratuiti e anche guidati!

Mercoledì prossimo, 2 dicembre, presso la Sala Rossa del VII Municipio (Piazza di Cinecittà 11, IV piano) alle ore 16 la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali presenterà il progetto “Quattro passi nella storia… e un tuffo nella natura“, attraverso il quale intende valorizzare il Museo delle Mura di Porta San Sebastiano e il complesso della Villa di Massenzio sulla via Appia Antica, tramite visite guidate gratuite ed attivitá legate al recupero della memoria e alla diffusione di valori culturali legati alla propria realtà territoriale.

L’incontro si terrà in conseguenza di una mozione che ho proposto in Commissione Cultura, con la quale ci siamo recati in sopralluogo proprio al Museo delle Mura, un luogo affascinante ed evocativo che permette di leggere con immediatezza molti aspetti della storia di Roma ma che purtroppo è visitato da pochissimi romani e ancora sconosciuto ai più, anche tra i residenti dei quartieri vicini.

Il progetto è rivolto in particolar modo alle scuole, ai Comitati di Quartiere e ai Centri anziani ma l’incontro di mercoledì è aperto a tutti e potrebbe essere una buona occasione di conoscenza di due siti archeologici di grande valore e davvero unici: chi viene?!

12311050_10208373663089762_6066822306158500773_n

Più cultura meno paura

Più cultura meno paura

Ieri in Consiglio abbiamo approvato una risoluzione proposta dal sottoscritto e dal collega Benassi, già approvata in Commissione Cultura, per la creazione di un circuito di bookcrossing sul territorio del nostro municipio, cominciando da alcuni locali pubblici (Municipio, ASL, ecc.) per estendersi poi anche ad attività private che vorranno aderire.

Nella parte risolutiva impegniamo “l’assessore alla cultura ad attivarsi per la realizzazione sul nostro territorio di un circuito di bookcrossing in collaborazione, su base volontaria e senza oneri per l’amministrazione, con le associazioni del terzo settore, comitati di quartiere e cittadini”, come già fatto con successo nel Municipio IX.

Presentando l’atto in Consiglio ho detto che se è vero che a Roma abbiamo tanti problemi gravi ed impellenti non possiamo dimenticarci il valore della cultura per la nostra società: solo la Cultura e la Bellezza potranno salvare Roma ed ogni sforzo teso in questa direzione secondo me porterà benefici ad ogni altro settore della società… una persona che legge è una persona migliore, e quindi un cittadino migliore!

Se volete leggere il testo integrale della risoluzione potete cliccare qui.

2go… or not 2go

2go… or not 2go

Oggi ho depositato una proposta di risoluzione in merito al servizio Car2Go (il car-sharing con le Smart bianche e blu), che nelle ultime settimane è stato al centro di molte polemiche in seguito alla riduzione dell’area operativa all’interno della quale è possibile noleggiare le vetture; nel VII Municipio, uno dei più danneggiati dalla modifica, il limite è passato ad esempio da viale Palmiro Togliatti ad Arco di Travertino, tagliando fuori in tal modo decine di migliaia di abitanti.

La rimodulazione è stata motivata da una razionalizzazione del servizio, al quale tuttavia ogni utente si è iscritto pagando una quota (generalmente 19 €) e senza essere avvisato nel contratto di possibili riduzioni dell’area operativa; pur essendo un servizio privato, inoltre, Car2Go è svolto in convenzione con il Comune di Roma, motivo per il quale la conduzione dovrebbe essere mirata anche al pubblico interesse e ad incentivare ogni forma di mobilità alternativa e più sostenibile.

Se avete voglia di leggere l’intero documento potete cliccare qui; di seguito invece, per comodità, quello che ho richiesto nel dispositivo finale:

IL CONSIGLIO DEL MUNICIPIO ROMA VII IMPEGNA LA PRESIDENTE A RAPPRESENTARE AL SINDACO E ALL’ASSESSORE COMPETENTE

– il grave danno arrecato agli abitanti del Municipio Roma VII dalla rimodulazione dell’area operativa del servizio Car2go, che ha escluso interi quartieri compresi invece all’atto dell’iscrizione;

– la necessità di rivedere con la società “Car2go Italia s.r.l.” la rimodulazione dell’area operativa, che deve necessariamente avere come base di partenza il mantenimento delle aree inizialmente incluse;

– l’opportunità di valutare, ove quanto sopra non fosse accettato e dunque le esigenze del privato fossero in contrasto con le necessità del pubblico, la rimozione del logo di Roma Capitale dalle vetture Car2go.

Ovviamente, come sempre, vi terrò aggiornati!

Car2go

Prossima fermata?

Prossima fermata?

Venerdì in Campidoglio, grazie ai consiglieri della Lista Civica Luca Giansanti e Rita Paris, è stato approvato un Ordine del Giorno che parte da una mia proposta alla Commissione Cultura del nostro Municipio e che richiede la modifica della denominazione di 3 fermate della Metro A: Furio Camillo-Alberone, Arco di Travertino-Parco delle Tombe Latine e Giulio Agricola-Parco degli Acquedotti.

Se la prima prende le mosse da una proposta fatta durante l’inaugurazione del nuovo albero di Piazza dell’Alberone e riguarda un toponimo molto sentito dai residenti, le altre due vogliono contribuire a promuovere il patrimonio turistico e culturale del nostro Municipio, che soprattutto nel caso dello splendido Parco delle Tombe Latine è ancora sconosciuto ai più.

Del resto, chissà quanti sono venuti a conoscenza dell’esistenza di un “Museo della Liberazione” solo dopo che è stato aggiunto al nome della fermata Manzoni… e considerando quante migliaia di persone ogni giorno attraversano il nostro territorio in metro perché non sfruttare anche questo strumento?

Se volete leggere il testo integrale della Risoluzione cliccate qui.

Il Quadraro non dimentica…ancora!

Il Quadraro non dimentica…ancora!

Nel Consiglio di martedì scorso abbiamo votato all’unanimità una risoluzione che avevo portato in Commissione Cultura il 10 ottobre in merito ad una lodevole iniziativa che ha a che fare con il Rastrellamento del Quadraro, di cui abbiamo commemorato il 70° anniversario ad aprile.

Da alcuni mesi, infatti, l’Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia, dall’Internamento e dalla Guerra di Liberazione sta svolgendo una approfondita ricerca sulle vittime del rastrellamento, che si concluderà con una cerimonia a carattere nazionale di conferimento della “Medaglia d’Onore per i cittadini italiani deportati ed internati nei lager nazisti” ai sopravvissuti o ai loro eredi.

Poiché quel tragico evento è ancora ben vivo nella memoria del quartiere (che nel 2004 è stato insignito della Medaglia d’Oro al Merito Civile) e costituisce una terribile ferita mai completamente rimarginata, con la risoluzione abbiamo chiesto che tale cerimonia si svolga al Quadraro, che ancora non dimentica e non dimenticherà mai lo sfregio inferto alla sua popolazione e l’orgoglio con cui la stessa seppe reagire.

Qui potete leggere il testo della risoluzione.

Le nuove “case dell’acqua”… quando nel VII Municipio?!

Le nuove “case dell’acqua”… quando nel VII Municipio?!

Qualche giorno fa sul sito di Roma Capitale è stata annunciata una sperimentazione da parte di ACEA, che installerà in alcuni quartieri di Roma delle “case dell’acqua”, fontanelle high-tech nelle quali sarà possibile raccogliere “alla spina” acqua microfiltrata ed igienizzata, naturale o frizzante, ma anche navigare on-line e perfino ricaricare il proprio telefonino tramite porte usb.

Secondo il Comune questo significherà un possibile risparmio per i romani (che potrà arrivare a circa 130 € per una famiglia di 3 persone) ma anche un’importante diminuzione di rifiuti in plastica, stimata in circa 1.800 tonnellate di bottiglie.

Come gruppo della Lista Civica Marino in quest’anno di consiliatura abbiamo proposto più volte di avviare buone pratiche, anche sperimentali, in merito al riciclo dei rifiuti, al vuoto a perdere, ad un consumo più sano e consapevole e in questa direzione ieri in Consiglio abbiamo presentato una mozione d’urgenza per richiedere che anche il nostro territorio veda al più presto la comparsa di queste nuove tecnologiche “Case dell’Acqua” (qui il testo della mozione).

casa_acqua_1_d0

Il VII Municipio si mette in mostra

Il VII Municipio si mette in mostra

Come anticipato nell’ultimo post ecco finalmente il programma definitivo e la locandina della “7xVII – Prima settimana della Promozione Turistica del VII Municipio” attraverso la quale cercheremo di aumentare la conoscenza dell’immenso patrimonio di cui è ricco il nostro territorio: visite guidate (anche di luoghi normalmente chiusi al pubblico!), concerti, attività per bambini, laboratori e l’evento conclusivo, l'”Archeo-pedalata” di sabato 4 ottobre…

Tutte le iniziative sono totalmente GRATUITE e non sarebbero state possibili senza la collaborazione di Enti e Istituzioni pubbliche ma anche della generosa disponibilità di associazioni e comitati di cittadini che si sono proposti con numerose idee davvero interessanti, sulle quali speriamo di poter costruire virtuosi percorsi di attrazione turistica e culturale.

Ora tocca a voi, perché rinunciare a partecipare sarebbe davvero un’occasione perduta!

Programma della Settimana della Promozione Turistica

Programma della Settimana della Promozione Turistica

Promuoviamo il nostro territorio

Promuoviamo il nostro territorio

Con grande piacere vi informo che su mia proposta la VI Commissione ha approvato la realizzazione della Settimana della Promozione Turistica e Culturale del nostro Municipio, una settimana di eventi ed iniziative totalmente gratuiti che si terrà dal 28 settembre al 4 ottobre.

A breve vi fornirò maggiori dettagli delle attività previste, organizzate con la collaborazione di enti ed istituzioni pubbliche e dei privati: proprio a questi ultimi e a tutti i soggetti operanti nel nostro territorio è rivolto l’avviso pubblico pubblicato sul sito del Municipio, rispondendo al quale associazioni, comitati e società potranno proporre ulteriori iniziative contribuendo così ad una maggiore conoscenza e valorizzazione del nostro patrimonio turistico e culturale.

A presto, ci sarà da divertirsi!

Diritti civili

Diritti civili

Giovedi in Consiglio abbiamo votato una risoluzione proposta dalla Commissione Sociale con la quale si voleva sollecitare il Campidoglio a trattare il tema delle unioni civili, in particolare con la creazione degli appositi registri cittadini; com’era prevedibile in aula il clima si è subito acceso, con discussioni anche aspre soprattutto su alcuni emendamenti proposti dall’opposizione, da parte della quale sono arrivate anche pesanti offese personali, soprattutto al sottoscritto (tacciato di “cattocomunismo”, di essere un credente falso e ipocrita, ecc.).

Mi sono sempre e apertamente dichiarato un cattolico praticante (anche perché non credo possano esistere di altro tipo!) e tutti conoscono la mia storia, ma ho sempre distinto la Bibbia dalla Costituzione: credo che in tema di diritti civili l’Italia debba adeguare le sue leggi, perché ci sono ancora buchi normativi pesanti e inadeguati, ma credo anche che l’iter più corretto sia quello nazionale e parlamentare e non surrogati adottati da città a città, o addirittura da Municipio a Municipio.

Ecco perché in aula mi sono astenuto, motivando il mio voto con una breve dichiarazione che potete rivedere qui (da 1h 49′ 04” a 1h 52′ 15” ); e voi, come avreste votato?!