Monthly Archives: Marzo 2016

Inciampiamo nella storia

Inciampiamo nella storia

Avete mai sentito parlare delle “Pietre d’Inciampo“? Secondo me molti di voi risponderanno di no, eppure nel nostro Municipio ce ne sono già 4 e in tutta Roma più di 200… gli Stolpersteine (o Pietre d’Inciampo, appunto) sono un progetto artistico animato da ragioni etiche, storiche e politiche, avviato negli anni ’90 del secolo scorso dall’artista tedesco Gunter Demnig, che ha deciso di dedicare la sua vita e il suo lavoro alla memoria di tutti i deportati, razziali, politici, militari, rom e omosessuali, in tutto il mondo.

Si tratta di semplici sampietrini, come tanti che pavimentano le strade delle nostre città, recanti incisi, sulla superficie superiore di ottone lucente, i dati identificativi dei deportati e collocati sui marciapiedi prospicienti le loro abitazioni: un oggetto simbolico, che fa riflettere chi “vi inciampa” sulle vittime della resistenza e delle deportazioni razziali, dando loro un nome e un’identità e impedendo che rimangano dei semplici numeri di un’immane tragedia.

Ieri il Consiglio del VII Municipio ha approvato all’unanimità una mia proposta, passata nelle Commissioni Cultura e Scuola (e che potete leggere qui nella versione integrale), in cui chiediamo che gli assessori competenti coinvolgano i nostri istituti di scuola superiore in un progetto di studio e ricerca del proprio territorio, al fine di individuare vittime che vi risiedevano e poter proporre nuove Pietre di Inciampo.

Perché il VII Municipio non dimentica e vogliamo che anche i ragazzi siano coinvolti in un percorso di memoria storica e identitaria in merito a vicende che lo hanno profondamente segnato!

Pietra d'inciampo

Finalmente si parte!

Finalmente si parte!

Ci siamo! dopo mesi di attesa finalmente sono stati predisposti i primi 2 punti del circuito di bookcrossing del VII Municipio, all’interno delle due sedi municipali di Via Fortifiocca e di Piazza di Cinecittà.

Vi ricordate? L’iniziativa è nata da una proposta mia e del collega Aldo Benassi, votata a luglio in Commissione Cultura e a settembre in Consiglio (ve ne avevo parlato qui).

A questo punto la palla passa a tutti voi: potete donare i vostri libri (ne basta anche uno!) direttamente presso i due punti, oppure al sottoscritto, oppure contattando via mail le due responsabili dell’Ufficio Cultura; se credete nella cultura, nell’importanza della diffusione del libro, nel libero scambio di idee datevi da fare: FACCIAMO GIRARE I LIBRI!!!

Pubblicazione bookcrossing