Monthly Archives: Febbraio 2014

Anagrafe dei rifiuti

Anagrafe dei rifiuti

Nelle ultime settimane, su iniziativa dei consiglieri comunali della nostra Lista Civica, Roma ha compiuto un altro passo importante verso la trasparenza e la partecipazione: è stata infatti approvata in Consiglio Comunale una delibera sull’Anagrafe pubblica dei rifiuti solidi, grazie alla quale i cittadini saranno finalmente informati sull’intera filiera di trattamento dei rifiuti, potendo controllare costi ed efficienza di tutto il processo.

Secondo la delibera, infatti, con cadenza semestrale Roma Capitale dovrà pubblicare tutti i dati di produzione dei rifiuti solidi, della differenziata e dei vari impianti di selezione e trattamento; inoltre, altro aspetto fondamentale, verranno rese pubbliche le quantità e le tipologie di rifiuti che vengono trattate, incenerite e smaltite fuori Roma, con indicazione dei siti di destinazione e dei relativi costi.

Le recenti vicende giudiziarie che hanno interessato la nostra città e la nostra regione ci hanno confermato che attorno allo smaltimento dei rifiuti ruota una gran quantità di denaro, finora gestito in modo opaco e spesso illecito: da oggi avremo un nuovo strumento per conoscere e valutare concretamente la gestione di un servizio di pubblica utilità di primaria importanza.

Qui trovate il testo integrale della delibera.

Giorno della memoria

Giorno della memoria

La scorsa settimana si è aperta con una giornata che ho fortemente voluto: lunedì 27 gennaio, in occasione del “Giorno della Memoria”, si è tenuto un Consiglio aperto all’interno dell’Istituto Enzo Ferrari di via Ferrini, durante il quale abbiamo votato una risoluzione che prescrive che in tale ricorrenza ogni anno si svolga un Consiglio aperto in una scuola del Municipio, preceduto da momenti di riflessione e attività a tema da parte degli studenti dell’ istituto coinvolto.

Giorno della memoria

Alla fine del Consiglio, durante il quale sono intervenuti molti studenti, alcuni dei quali hanno letto brani di libri o descritto percorsi a tema svolti a scuola negli ultimi anni, abbiamo donato alla scuola ospite alcuni saggi e romanzi che raccontano l’orrore della Shoah e delle altre persecuzioni nazi-fasciste, acquistati personalmente da assessori e consiglieri.

Penso che celebrare il Giorno della Memoria abbia un duplice scopo, uno rivolto al passato e uno al futuro; per gli antichi romani l’anima di un defunto sopravviveva finché qualcuno tra i vivi ne conservava il ricordo, e in questo senso continuare a far memoria di milioni di vittime innocenti significa impedire che esse muoiano ancora, una seconda volta. Ma diffondere la conoscenza e continuare a riflettere su tali eventi significa anche consegnare nelle mani delle nuove generazioni degli strumenti adatti per impedire che in futuro tale vergogna dell’umanità possa ripetersi.

Speriamo davvero che le nuove generazioni sappiano fare meglio di quanto non sia accaduto fin’ora…

P.S.

Qui potete trovare la registrazione video del Consiglio e degli interventi degli studenti e di alcuni sopravvissuti alle persecuzioni (se siete curiosi di ascoltare il mio discorso, va dal minuto 7.55 al minuto 14.40).